Il naufragio di Lampedusa

Volevano segnalare la loro posizione incendiando una coperta, sperando che qualcuno li aiutasse a scendere da quel barcone infernale al largo di Lampedusa. Ma l'inferno, per quei 500 somali ed eritrei che oramai vedevano la costa, non era ancora iniziato. Solo quando le fiamme si sono propagate sul ponte della nave, si è concretizzata la più grande tragedia dell'immigrazione.

barcone Bossi-Fini cadaveri Eritrea immigrati Kienge Lampedusa naufragio Somalia

Libero 20/08/2017

Pagina 2 ricca la sua città e della benevolenza che al contrario la stessa dispensa agli amati immigrati, specie [...]

Libero 20/08/2017

Pagina 3 , risponderemoalle incertezze garantendo sicurezza. Garantire lacittadinanza italiana ai figli degli immigrati [...]

Libero 20/08/2017

Pagina 6 Oltrealui, inunblitznotturno in quel quartiere di Varissuo dove vivono numerosi immigrati sono stati fermati [...]

Libero 20/08/2017

Pagina 7 di aggressioni sessuali alle donnenella nottedel 1 gennaio 2016 ad opera di branchi di immigrati islamici [...]

Libero 20/08/2017

Pagina 9 sessuali compiute da immigrati musulmani A Roma la polizia, impiegando circa 500 agenti [...]

Libero 20/08/2017

Pagina 22 . [LaPresse] IMMIGRATI/1 Ilmistero dell’integrazione Se ne parla da sempre di integrazione:occorre integrarli [...]

Libero 20/08/2017

Pagina 23 per la città, a dimostrazione che gli immigrati non sono violenti. Sicuramente non lo sarebbero di fronte [...]

Libero 20/08/2017

Pagina 34 arrivaremigliaia di immigrati clandestini di cui non sappiamo niente, basta lasciarli liberi di gironzolare [...]

In rilievo