Il naufragio di Lampedusa

Volevano segnalare la loro posizione incendiando una coperta, sperando che qualcuno li aiutasse a scendere da quel barcone infernale al largo di Lampedusa. Ma l'inferno, per quei 500 somali ed eritrei che oramai vedevano la costa, non era ancora iniziato. Solo quando le fiamme si sono propagate sul ponte della nave, si è concretizzata la più grande tragedia dell'immigrazione.

barcone Bossi-Fini cadaveri Eritrea immigrati Kienge Lampedusa naufragio Somalia

Libero 24/06/2017

Pagina 1 sempreunaprossimavolta, quando si tratta di condividere con noi il peso dell’immigrazione dall’Africa; i barconi, intanto [...]

Libero 24/06/2017

Pagina 11 i disperati chearrivanoabordo dei barconi. A novembre dello scorso anno il prefetto, Cinzia Teresa Torraco [...]

Libero 20/06/2017

Pagina 9 dalla padella alla brace, dal barcone al bordello, dai centri di detenzione in Libia, dove si permane prima [...]

Libero 18/06/2017

Pagina 35 famiglie spediscono gli adolescenti sui barconi. È una pratica crudele che foraggia la trattadiesseriumani [...]

Libero 16/06/2017

Pagina 7 sarà tantodifficile quanto evadere dalla prigione. Del resto, ormai è noto che sui barconi può infiltrarsi chiunque [...]

Libero 14/06/2017

Pagina 13 dei barconi carichi di immigrati, il flusso di clandestini non si arresta e non viene regolato in nessun modo [...]

Libero 11/06/2017

Pagina 8 delle organizzazioni umanitarie e i barconi carichi di migranti ci sono contatti prima delleoperazionidi salvataggio [...]

Libero 07/06/2017

Pagina 2 «antiumanitaria» e biecamente populista ora è un fatto conclamato e denunciato: nei barconi carichi di clandestini [...]

In rilievo